In Cina svendono le schede video dopo la stretta sul mining: GeForce RTX 3060 a 270 dollari

Another ICT Guy

In Cina svendono le schede video dopo la stretta sul mining: GeForce RTX 3060 a 270 dollari

La stretta della Cina sulle criptovalute sta portando i miner cinesi a riversare sul mercato dell’usato migliaia di schede video di nuova e vecchia generazione che per mesi sono state dedicate al mining. Andando a bloccare le mining farm nella provincia dello Sichuan, la Cina ha portato molti operatori del settore a spostarsi o, ove non possibile, a vendere le schede video in loro possesso.

Così sul web cinese sono iniziate ad arrivare schede video a prezzi decisamente più appetibili di quelli visti negli ultimi 8 mesi, a volte persino più bassi di quelli di listino. Va sottolineato però che queste schede video sono state sottoposte per mesi a un carico intenso continuativo, e quindi con molta probabilità potrebbero non essere in buone condizioni.

È consigliabile rimuovere il sistema di raffreddamento per applicare pasta termica e pad nuovi, ma non sono da escludere altri problemi visto che spesso la memoria di queste soluzioni è overcloccata e la GPU è stata sottoposta a uno stress non indifferente. Inoltre, è molto probabile che anche la garanzia non sia valida.

Secondo quanto riportato da The Block, i venditori stanno vendendo le GPU a prezzi niente male, anche se per ora non singolarmente ma a gruppi di decine di unità: in un caso il prezzo fissato andava da 2200 a 2899 yuan (tra 330 e 450 dollari) per ogni GeForce RTX 3060, ma poi il venditore è stato costretto a ridurre la richiesta a 1760 yuan (270 dollari) sull’onda di offerte insoddisfacenti.

Un altro venditore sta cercando invece di sbarazzarsi dei portatili gaming con GPU Nvidia GeForce RTX 3000 acquistati per minare criptovalute, perché non solo le schede video dedicate sono state coinvolte dal fenomeno. In questo caso il prezzo è di circa 1000 dollari per unità.

Il fenomeno di cui stiamo parlando è chiaramente per ora solo legato alla Cina, ma potrebbero esserci risvolti anche internazionali prossimamente. In ogni caso, come riportato qualche settimana fa, almeno in qualche paese come la Germania, i prezzi delle schede video sembrano in calo, sebbene non ancora a tal punto da raggiungere i listini indicati dai produttori.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *