El Salvador ha legalizzato i Bitcoin, ma i cittadini sono scettici o non sanno cosa siano

Another ICT Guy

El Salvador ha legalizzato i Bitcoin, ma i cittadini sono scettici o non sanno cosa siano

Il governo di El Salvador ha riconosciuto Bitcoin come valuta a corso legale, ma che cosa ne pensano i cittadini? Un sondaggio condotto nel paese tra l’1 e il 4 luglio, su un campione di 1233 persone, ha rivelato che solamente il 20% accoglie con favore il piano portato avanti dal presidente Nayib Bukele.

In generale, quindi, un ampio scetticismo: secondo il sondaggio il 54% delle persone considerava il nuovo piano come “per niente corretto” mentre il 24% lo avrebbe ritenuto “parzialmente corretto”. Circa la metà degli intervistati, il 46%, ha invece dichiarato di non conoscere per nulla Bitcoin, e il 65% di essi non era favorevole all’idea di essere pagato in valuta digitale.

Il sondaggio, riportato da Reuters, è stato condotto dalla società Disruptiva, affiliata all’Università Francisco Gavidia. Oscar Picardo, responsabile scienza, tecnologia e innovazione per Disruptiva, ha definito il piano di Bukele “una scommessa rischiosa sulla trasformazione digitale”.

Il Paese ha approvato la legge lo scorso 9 giugno, con l’entrata in vigore prevista per il prossimo 7 settembre: da quella data Bitcoin sarà una valuta ufficiale parallela al dollaro per El Salvador. Nelle scorse settimane il presidente Bukele ha inoltre presentato il portafoglio digitale Chivo, che i cittadini potranno usare per gestire depositi e pagamenti in criptovaluta: il wallet non sarà obbligatorio, è solamente un’opzione messa a disposizione dallo Stato. Per incentivarne l’adozione, però, è prevista l’elargizione di 30$ in BTC per tutti coloro i quali scaricheranno l’app.

Il presidente Bukele ha sostenuto l’adozione di Bitcoin presentando la criptovaluta come un mezzo capace di facilitare il trasferimento delle rimesse da parte dei cittadini che vivono all’estero, oltre che come misura per ridurre la dipendenza dal dollaro USA che è valuta nazionale dal 2001. Tutto ciò in uno scenario in cui nel Paese il 70% circa della popolazione non ha accesso a conti bancari o servizi finanziari.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *