Windows 11, solo un aggiornamento ogni anno. Microsoft abbandona la cadenza semestrale

Another ICT Guy

Windows 11, solo un aggiornamento ogni anno. Microsoft abbandona la cadenza semestrale

Abbiamo già parlato a più riprese di Windows 11, sistema operativo nuovo che introduce un’interfaccia utente leggermente diversa rispetto a Windows 10, una coerenza stilistica maggiore fra i vari elementi, il supporto alle app Android e diverse novità lato gaming.

Microsoft ha rilasciato ulteriori dettagli dopo il lancio ufficiale, come ad esempio i requisiti minimi di sistema, le feature eliminate o deprecate, e anche dettagli sulla cadenza con cui verranno rilasciati i vari aggiornamenti su Windows 11.

Windows 11, un aggiornamento major l’anno invece di due

Nel post si leggono alcune informazioni per gli admin IT che hanno il compito di distribuire e gestire gli aggiornamenti nei parchi macchine aziendali. Fra queste l’organizzazione degli aggiornamenti su Windows 11, che sarà diverso rispetto alla cadenza semestrale scelta per Windows 10. Diversamente, sulla nuova release verrà rilasciato un aggiornamento major l’anno. Cambierà, inoltre, anche la gestione del ciclo di vita dei sistemi operativi di Redmond.

I sistemi che eseguiranno le SKU Home e Pro verranno supportati per 24 mesi dalla prima distribuzione, mentre le SKU Enterprise ed Education rimarranno supportate per 36 mesi. Si tratta di una modalità decisamente più lineare e comprensibile rispetto a quelle utilizzate su Windows 10, spesso confusionarie e poco prevedibili, visto che variavano in base a quando la specifica versione veniva rilasciata.

La cadenza annuale renderà di riflesso tutto più semplice, sia per i consumatori, sia e soprattutto per le aziende che spesso non sono interessate alle modifiche più modaiole o estetiche. Le tempistiche di supporto un po’ più estese per le versioni aziendali (in precedenza le versioni H2, della seconda metà dell’anno, venivano supportate per un massimo di 30 mesi) sono anch’esse un’ottima aggiunta, dal momento che potrebbero convincere vari amministratori di sistema a passare a Windows 11 quando potranno farlo.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *