Come si accede ai computer quantistici di IonQ? (Anche) con Google Cloud

Another ICT Guy

Come si accede ai computer quantistici di IonQ? (Anche) con Google Cloud

Il futuro dei computer quantistici appare, almeno al momento, saldamente legato al cloud. A confermare ancora una volta questa tendenza è l’annuncio che i computer di IonQ, azienda specializzata nella fabbricazione di computer quantistici a trappole ioniche, saranno disponibili tramite Google Cloud. Le aziende interessate potranno infatti acquistare l’accesso ai dispositivi direttamente dal Google Cloud Marketplace.

I computer quantistici di IonQ disponibili tramite Google Cloud

Visti i costi proibitivi di acquisto e manutenzione dei computer quantistici, il cloud sta diventando il mezzo per eccellenza di accesso a tali sistemi. Google Cloud si apre per la prima volta a computer quantistici di terze parti con i dispositivi di IonQ: all’inizio metterà a disposizione solo il primo sistema dotato di 11 qubit, ma in futuro arriverà anche il modello con 32 qubit.

Gli sviluppatori potranno scegliere di programmare i computer quantistici di IonQ usando il kit di sviluppo che preferiscono: la scelta è tra Cirq (sviluppato da Google), Qiskit (IBM), Penny Lane (Xanadu), tket (Cambridge Quantum Computing, recentemente fusasi con Honeywell) o le API sviluppate dalla stessa IonQ.

Google Cloud è solo l’ultimo degli ecosistemi cloud in cui sono disponibili i computer quantistici di IonQ: Amazon Braket e Microsoft Azure offrono infatti l’accesso da tempo. Una maggiore diffusione di questi sistemi contribuirà sicuramente allo sviluppo del settore e alla diffusione delle competenze (ancora parecchio elevate) necessarie per programmare questi sistemi.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *