DS 4 abbina tecnologia ed eleganza ad un motore ibrido

Another ICT Guy

DS 4 abbina tecnologia ed eleganza ad un motore ibrido

DS Automobiles rappresenta, nella galassia dei marchi del gruppo Stellantis, la proposta di vertice nell’ambito della qualità costruttiva e per certi versi della ricerca del lusso. L’azienda del resto è nata proprio alcuni anni fa con l’intento di portare nel mondo automobilistico lo stile di lusso francese, abbinando cura nei materiali e nella costruzione a una evoluzione tecnologica molto marcata.

Per questo motivo DS è tra i marchi del gruppo Stellantis uno di quelli che per primo può avere accesso alle novità tecnologiche, che in seguito verranno rese disponibili in un po’ tutti i modelli appartenenti al gruppo in un’ottica di ottimizzazione dei costi e delle risorse tra i differenti brand. Così accade con la nuova DS 4, presto disponibile presso la rete di DS Store nazionale in versioni benzina, diesel e ibrida plug-in.

DS 4 è il quarto modello della famiglia di prodotti DS; con una lunghezza di circa 4,4 metri rientra nella categoria delle berline del segmento C ma per dimensioni e forme può anche essere vista come un SUV Coupé, posizionando il modello DS 7 Crossback quale veicolo che rientra a pieno titolo nella famiglia dei SUV del segmento C. Completano la famiglia DS 3 Crossback, un piccolo SUV del segmento B disponibile anche in versione completamente elettrica e DS 9, l’ammiraglia di famiglia che si posiziona a cavallo tra segmento D e segmento E. Per DS questa nuova DS 4 è un veicolo che ridefinisce i confini del segmento C-Premium, avvicinando per forme e dimensioni due anime apparentemente contrastanti come quella di un SUV Coupé e una berlina compatta.

Dall’esterno sono molti gli elementi distintivi di questo veicolo, a partire dal frontale con un’ampia calandra che si sviluppa a tutta altezza affiancata da una firma luminosa DLR e da proiettori LED a 150 elementi; la vista laterale permette di osservare le nervature ricavate sulle portiere oltre alle maniglie a scomparsa che rendono più pulita e lineare quest’area; vista da dietro spiccano i fari a LED con effetto a scaglie, mentre lateralmente sono le dimensioni degli pneumatici a spiccare con cerchi che nel rapporto con il corpo vettura ricordano le proporzioni tipicamente utilizzate nelle vetture prototipo.

C’è molta tecnologia in DS 4, a partire dal modello E-Tense dotato di alimentazione ibrida Plug-in che è anche il modello più potente con 225CV; DS dichiara un’autonomia di funzionamento con la sola modalità elettrica fino a 54Km con un pacco batterie posizionato sotto il bagagliaio che rimane con una volumetria interna di 390 litri contro i 430 litri delle versioni standard. Troviamo DS Matrix LED Vision, il sistema che attraverso il display del cruscotto fornisce informazioni sulla presenza di oggetti, animali, persone e veicoli di fronte a noi che nella marcia notturna non possono venir visti da lontano con la sola illuminazione dei fari.

Non manca un ricco sistema di infotainment, abbinato a head-up display, che è incentrato nello schermo da 10 pollici indicato con il nome di DS Iris System. E’ abbinato ad un touchscreen posizionato sul tunnel centrale di fronte ai comandi del cambio, così che l’utente non debba alzare le mani verso lo schermo centrale ma possa utilizzare questa sorta di touchpad per interagire con le funzionalità integrate nel sistema di infotainment, anche attraverso specifiche gesture oltre che con comandi vocali.

Il livello 2 di guida semiautonoma è disponibile per tutte le versioni, con gestione automatizzata di velocità e frenata attraverso radar adattivo oltre al posizionamento al centro della corsia di marcia scelta dal guidatore. A inizio del 2022 il sistema verrà ulteriormente evoluto introducendo il sorpasso semiautomatico, la regolazione della velocità in curva e l’anticipo della velocità raccomandata dalla segnaletica stradale. Tutto questo è abbinato al sistema DS Active Scan Suspension, con il quale le irregolarità della strada rilevate da una videocamera frontale vengono anticipate dal comportamento delle sospensioni che adattano automaticamente la loro risposta, in modo indipendente per ciascuna ruota.

DS4 viene proposta con un ampio margine di personalizzazione, tra 7 colori esterni e 6 diverse finiture interne, oltre a configurazioni che privilegiano uno stile sportivo, uno più elegante e uno più avventuriero oltre alla declinazione Business che rappresenta l’anima più pragmatica di questo veicolo. Le motorizzazioni sono un benzina da 130CV (1,2 litri di cilindrata), un diesel da 130CV (1,5 litri), un benzina da 180CV (1,6 litri) e un ibrido benzina da 225CV cumulati (1,6 litri); per tutte un cambio automatico a 8 rapporti, trazione anteriore e presenza di turbo. I listini partono da una cifra di 30.250€ chiavi in mano, salendo sino ai 48.750€ della versione ibrida in allestimento Cross Rivoli. DS propone in questa fase di lancio la versione DS 4 Business BlueHDi 130 automatico ad un prezzo promozionale di 29.500€.

DS4 è andata incontro ad una prima fase di prenotazione con il modello DS4 Premiere, ordinabile esclusivamente online; da questa settimana è possibile ordinare le altre versioni tanto online come presso i DS Store, con commercializzazione a partire dalla terza settimana di ottobre. Tra le varie versioni spicca quella e-Tense, ibrida Plug-in, per la quale DS ha stime di vendita ambizione: l’obiettivo è di raggiungere e superare i 40% degli ordini dei clienti con il modello elettrificato, cifra superiore al dato medio del 30% che rappresenta al momento il numero di veicoli elettrificati che DS ha venduto negli ultimi 12 mesi.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *