Samsung Galaxy A52: finalmente il vero medio-gamma che Samsung sa fare. La recensione

Another ICT Guy

Samsung Galaxy A52: finalmente il vero medio-gamma che Samsung sa fare. La recensione

Il modo migliore per descrivere la serie Galaxy A negli ultimi anni è tentacolare. La sua gamma è così diversificata che Samsung avrebbe potuto facilmente trasformarlo in un sotto brand a sé stante. Il gigante coreano sta chiaramente puntando molto sulla famiglia Galaxy A ed effettivamente ora rappresenta la quota maggiore delle vendite dell’azienda. Per ottenere quel successo c’è solo un modo ossia quello di offrire funzionalità competitive con un marchio di prestigio e con un importo ragionevole. Un compito arduo che Samsung ha affrontato negli anni con passaggi incrementali nel corso delle ultime generazioni di Galaxy A ma che ora sembrano aver dato i loro frutti.

Il Samsung Galaxy A32, così come il duo Galaxy A72 e A52 recentemente annunciati, offrono tutti ottimi risultati in rapporto al loro prezzo di vendita. Ma è palese che fra tutti proprio questo Galaxy A52 è sicuramente lo smartphone della serie che brilla maggiormente per il rapporto qualità/prezzo visto che al momento viene venduto di listino a 379€ nella versione 4G o a 459€ in quella 5G che non abbiamo potuto provare ma che si differenzia solo per la presenza appunto del supporto alla rete più veloce. 

Le cose diventano molto più interessanti se confrontiamo l’A52 con il Galaxy A51 dello scorso anno. Ok, il prezzo è un aumentato ma intanto l’utente ottiene ora un display OLED con refresh rate a 90 Hz ma anche una classificazione IP67, altoparlanti stereo, una batteria più grande da 4.500 mAh con ricarica da 25W e una fotocamera principale da 64 MP ad alta risoluzione con OIS.

Indice

Samsung Galaxy A52: Prezzi e Promo lancio

  • Samsung Galaxy A52 

    • 6 GB + 128 GB: 379,90€ – Colore Awesome Black e Blue 

  • Samsung Galaxy A52 5G

    • 6 GB + 128 GB: 459,90€ – Colore Awesome Black, Blue, White e Violet

 

UNBOXING

Il Galaxy A52 viene fornito in un semplice scatola di vendita. Niente di stravagante anche per quanto riguarda gli accessori che vengono posti in essere visto che l’utente all’acquisto troverà solamente un caricabatterie da 15W (anche se lo smartphone può raggiungere i 25W) e un cavo Type-C abbinato.  

DESIGN: giovanile e colorato

Samsung sta davvero lavorando duramente per rendere desiderabile la serie Galaxy A, non solo come rapporto qualità/prezzo ma anche visivamente. Da qui il nuovo e trendy re-styling, guidato dal Galaxy A72 e A52. Il marketing di questi dispositivi è chiaramente rivolto al pubblico giovane con un angolo principalmente creativo e sociale.

Il nuovo design si concentra principalmente sul pannello posteriore, che ora presenta una finitura morbida e setosa, quasi come una pelle di vinile. È disponibile in diverse colorazioni in base alla versione 4G o 5G tutte denominate però Awesome. “Awesome” è una sorta di pietra angolare di marketing per A32, A52 e A72 con Samsung che delinea con essa “la fantastica batteria, il display e la fotocamera” dei modelli dichiarando che i nuovi Samsung sono “Eccezionali per tutti”. Ed effettivamente il risultato sembra essere quello giusto.  

Ci piace la struttura del comparto fotografica posteriore che è solo leggermente più spessa della scocca e dunque non crea fastidio in mano, su di un piano e soprattutto riesce a rendersi uniforme con il resto della cover dello smartphone. In termini di costruzione e materiali, il Galaxy A52 è solido e molto ben assemblato. Non è un dispositivo particolarmente pesante, ma è ancora un po’ più spesso del suo predecessore perché effettivamente misura 159,9 x 75,1 x 8,4 mm per un peso appunto di 189 grammi. Il telaio centrale è di plastica come anche il pannello posteriore ma per niente cheap anzi la sensazione è proprio l’opposta.

Il display invece ottiene un pannello Gorilla Glass 5, un bel passo in avanti rispetto al Gorilla Glass 3 presente su Galaxy A51. E non solo perché in questo caso l’A52 guadagna anche la certificazione IP67 che significa protezione contro acqua e polvere, cosa mai successa prima d’ora per la famiglia Galaxy A. Sicuramente una cosa molto apprezzata.

Non c’è niente di particolarmente speciale nel layout dei pulsanti di questo Galaxy A52. Troviamo tutto al loro posto come sempre ed è anche interessante osservare il jack audio da 3,5 mm ancora presente nella parte inferiore del telefono. Accanto ad esso c’è una porta di tipo C con funzionalità OTG e quindi anche un singolo altoparlante con emissione dal basso comunque buono nello svolgere la sua funzione. Oltretutto l’audio esce in modalità stereo grazie alla doppia funzionalità della capsula auricolare che dunque permette anche di esternare musica o la voce dell’interlocutore in chiamata durante un vivavoce. 

E non dimentichiamo il lettore di impronte digitali presente al di sotto del display del Galaxy A52 che risulta comodo e preciso anche se non velocissimo. Ma difficilmente sbaglia la scansione e dunque non possiamo che promuoverlo in questo. 

DISPLAY: OLED e con refresh a 90Hz

Il Galaxy A52, così come l’A32 e l’A72 di quest’anno offrono tutti solidi aggiornamenti per la parte del display rispetto ai loro predecessori. Samsung ha messo in atto una delle feature che più ci piace degli smartphone di questi ultimi anni ossia il refresh rate maggiorato. L’aumento della frequenza di aggiornamento fa dunque il suo debutto anche nella famiglia Galaxy A in tutti i modelli che raggiungono i 90Hz. 

Qui sul Galaxy A52 abbiamo un display da 6.5 pollici di tipo Super AMOLED dalla risoluzione Full HD+ ossia di 1080 x 2400 pixel con fattore forma pari a 20:9 e densità di pixel pari a 405 PPI. Non solo il pannello è più veloce, ma è anche notevolmente più luminoso. Samsung dichiara una luminosità alla luce diretta del sole di 800 nit ed effettivamente ci siamo avvicinati davvero tanto a quel valore durante i nostri test. Il Galaxy A52 è quindi comodo da utilizzare all’aperto, anche con luce diretta del sole e dunque in ogni situazione. In termini di colori, ci sono due profili disponibili sul Galaxy A52: Vivida (predefinito) e Naturale. Il primo è dotato di un cursore del tono di colore e di una regolazione personalizzata del punto di bianco.

In questo profilo Naturale, come in genere capita con altri dispositivi Samsung, mira alla precisione sRGB e lo fa molto bene sull’A52 considerandolo fedele al colore. Unica mancanza forse il supporto all’HDR anche se il telefono ha il supporto Widevine L1, il che significa che servizi come Netflix offrono la risoluzione Full HD utilizzando correttamento il dispositivo e il pannello. La modalità Vivida invece rende tutto più acceso e colorato nel pieno stile dei pannelli Samsung. 

Ci sono poi i 90Hz che sono praticamente l’opzione ad alta frequenza di aggiornamento “entry-level” su uno smartphone moderno. In questo caso la fluidità e la reattività extra che offre, in particolare con lo scorrimento, è assolutamente tangibile e anche molto apprezzata. Viene gestita correttamente dal brand permettendo dunque di ottenere il massimo dall’esperienza senza però intaccare la batteria dello smartphone. Non è una frequenza adattiva come quella dei pannelli più costosi dell’azienda ma fa il suo lavoro anche in modalità fissa a 90Hz e lo fa anche molto bene su tutte le app principali come Google Foto, Gmail, Drive e Play Store ma anche su YouTube, Netflix, Facebook, Instagram, TikTok e Snapchat.

HARDWARE: ottimo per questo prezzo

Samsung ha scelto quella che probabilmente può essere meglio descritta come la strada “sensata” per quanto concerne il chipset del Galaxy A52. Lo Snapdragon 720G è semplicemente il processore capace di fornire la giusta “grinta” per alimentare le funzionalità presenti in questo smartphone rendendolo comunque fluido anche con molte applicazioni aperte simultaneamente. Siamo anche sicuri che molti degli utenti “esigenti” potranno apprezzare la scelta di un chip Qualcomm invece di un Exynos come successo in precedenza.

SAMSUNG Galaxy A52
OS (al lancio) Android 11 con One UI 3.1
Processore Qualcomm Snapdragon 720G Octa-Core a 2.3GHz
RAM 6 GB
Display Super AMOLED 6.5″ Full HD+
Risoluzione 2400×1080 px
Storage (al lancio) 128 GB + MicroSD
Fotocamera Posteriore

Camera:
Principale 64MP (26mm – f/1.8) OIS +
Grandangolare 12MP (f/2.2) FOV 123° +
Macro 5 MP (f/2.4) +
Depht 5 MP (f/2.4)
Video 4K UHD @30fps

Fotocamera Anteriore 32MP (26 mm – f/2.2)
Extra

4G LTE
NFC
Sensore impronte digitali
Certificazione IP-67

Porte USB Type-C + jack da 3.5mm
Batteria 4.500 mAh + Ricarica rapida
Dimensioni 159.9 x 75.1 x 8.4 mm
Peso 189 gr

La configurazione della CPU Kryo 465 Gold da 2×2,3 GHz e Kryo 465 Silver da 6×1,8 GHz sul Galaxy A52, sebbene lontana dal primato in classifica, riesce a farsi sentire positivamente parlando. Ancora una volta, meglio della maggior parte dei Galaxy di una generazione fa e ci mancherebbe. I risultati nei vari test benchmark premiano senza dubbio questo processore e l’accoppiata di esso con ben 6GB di RAM presenti nel nuovo Galaxy A52. 

Il Samsung Galaxy A52 esegue One UI 3.1 in maniera davvero ottimale, senza lag particolari e senza ritardi che invece ci si potrebbe attendere in device di questa fascia di prezzo. Sostanzialmente lo Snapdragon 720G fornisce prestazioni perfettamente adeguate per il 90%, se non di più, dei potenziali acquirenti  di questo Galaxy A52. Samsung è riuscita ad ottimizzare molto bene il device tra software ed hardware permettendo non solo l’uso di un pannello a 90Hz ma anche realizzando l’acquisizione di video 4K su entrambe le fotocamere principale e ultrawide con anche, come vedremo, un’eccellente stabilizzazione video. 

INTERFACCIA GRAFICA: One UI con aggiornamenti fino al 2023

Come detto se l’hardware funziona è anche grazie ad un software ottimizzato con esso. Samsung lo sa bene, visto il passato un po’ burrascoso, e con questo nuovo Galaxy A52 ha deciso di puntare in alto proponendo l’ultima versione della sua One UI ossia la versione 3.1 che si basa su Android 11. L’azienda promette qui 3 importanti aggiornamenti del sistema operativo, oltre a 4 anni di patch di sicurezza. Teoricamente questo Galaxy A52 potrebbe ottenere addirittura Android 14 nel 2023. Un grande impegno per Samsung e che sicuramente potrà essere un vantaggio per gli utenti anche con questi smartphone di fascia media. 

Le basi dell’interfaccia utente sono simili a quanto visto con gli smartphone Galaxy S sebbene sia possibile individuare qualche cambiamento grafico o funzionale in alcuni menu rispetto soprattutto al passato. Una OneUI che ha introdotto una serie di nuove funzionalità, come il supporto alle notifiche a bolla, l’accesso rapido ai widget, un controllo del volume più preciso e anche Samsung Free. Non solo perché a tutto questo si aggiungono le videochiamate in background, la vista da regista per la realizzazione dei video con tutte e quattro le fotocamere del device e la possibilità di registrare contemporaneamente dalla fotocamera anteriore e posteriore.


Clicca per ingrandire

Nella schermata iniziale di sinistra, Samsung permette di utilizzare Google Discover o Samsung Free. Samsung Free è un nuovo servizio molto simile alla vecchia Home di Bixby, ma che dalla sua offre molte delle app e dei servizi gratuiti di Samsung. Nel complesso, One UI è distintamente Samsung. L’azienda è riuscita a cementare uno stile specifico nella sua interfaccia sin dall’introduzione di One UI con la serie Galaxy S10, e risulta immediatamente riconoscibile. La maggior parte degli elementi dell’interfaccia utente sono arrotondati, il che completa le curve sui dispositivi della serie Galaxy S.

Introdotti con l’ultima versione del sistema operativo di Google ci sono anche i nuovi controlli multimediali implementati sulla tendina delle notifiche permettendo di avere anche i controlli scorrendo lateralmente. Tutto funziona davvero in modo ottimale e come detto in precedenza non ci sono lag o ritardi nell’uso dell’interfaccia e questo permette di avere sempre il controllo completo dello smartphone anche in situazioni di rapidità di utilizzo. 

FOTOCAMERA: niente male

Il nuovo Samsung Galaxy A52 si può dire un classico smartphone medio gamma anche nella fotografia ma solo per quanto concerne la presenza del tipo di sensori: qui abbiamo infatti il principale più l’ultrawide a cui si aggiungono il macro e quello per la profondità. Sì, perché per il resto i risultati come vedremo sono interessanti e l’A52 migliora notevolmente rispetto al passato dando valore all’uso anche di questa importante funzionalità. 

Samsung nello specifico ha optato per una cam principale Quad Bayer da 64 MP a risoluzione più alta rispetto alla passata e classica 48 MP. Sensore con un’apertura abbastanza luminosa da f/1.8 e una dimensione del sensore da 1 / 1.7. L’unità ultrawide ha invece una risoluzione da 12MP con apertura da f/2.2. E poi ci sono i sensori macro e di profondità dedicati, che sono 5 MP (f/2.4) entrambi e migliori delle classiche unità da 2MP. Quello che è necessario sottolineare riguarda la presenza sull’A52 della stabilizzazione ottica dell’immagine nella fotocamera principale. Un plus non indifferente per un device di questo prezzo che permette di ridurre il tremolio della mano durante lo scatto.  


Clicca per ingrandire

Se c’è un aspetto della fotocamera del Galaxy A52 che è veramente familiare con altri device anche più costosi, è sicuramente l’interfaccia utente della fotocamera. A parte qualche rifinitura incrementale e una funzionalità extra qua e là, è rimasta coerente con il passato più prossimo. C’è il pulsante dell’otturatore e una sequenza di modalità di scatto oltre a diversi livelli di zoom (nel caso di A52 sono da 0,5x, 1x, 2x, 4x e 10x). Quindi un indicatore / interruttore di ottimizzazione della scena nell’angolo. A52 è in grado di distinguere automaticamente tra 30 scene.  

Come scatta allora questo Samsung Galaxy A52?

Le foto con luce diurna dalla fotocamera principale del Galaxy A52 sono abbastanza buone. La gamma dinamica è ampia per quello a cui siamo abituati nella gamma media e i colori sono vivaci senza esagerare. I dettagli sono abbondanti. C’è forse un po’ di rumore e qualche artefatto proprio dovuto alla soppressione del rumore. Mentre la fotocamera principale da 64MP sul Galaxy A52 è pensata per scattare in modalità 16MP per impostazione predefinita, c’è un’opzione da 64MP nell’interfaccia utente della fotocamera. Onestamente siamo rimasti piuttosto colpiti dalla quantità di dettagli extra che ha apportato agli scatti. Anche l’HDR sembra un po’ meglio a 64MP che a 16MP. C’è forse da attendere qualche secondo di troppo per immagazzinare lo scatto ma possiamo dire che l’attesa spesso ne vale la pena.

Il Galaxy A52 non dispone di un teleobiettivo specifico come invece è stato delegato all’A72. Tuttavia, abbiamo visto che il sensore Quad Bayer da 64 MP realizza un ottimo lavoro di ritaglio con degli ottimi risultati con zoom 2x. Il Galaxy A52 ha anche le opzioni nell’interfaccia utente per lo zoom 4x e 10x. Ovviamente non troveremo mai uno scatto accattivante ma in caso di necessità è comunque possibile utilizzare anche questi livelli di zoom chiaramente senza alcuna pretesa particolare.  

La fotocamera ultrawide del Galaxy A52 cattura delle buone foto da 12MP. C’è forse un po’ di effetto a barilotto sui lati con forse anche qualche colore di troppo o in mancanza. Siamo comunque a buoni livelli con colori forse un pochino meno saturi e vivaci del sensore principale. Sono comunque scatti buoni per il prezzo dello smartphone. 

Le foto in condizioni di scarsa illuminazione del Galaxy A52 sono davvero ottime per la fascia media in cui si inserisce lo smartphone. Ci sono piaciuti per una buona quantità di dettagli preservati, anche se il rumore, è forse uno dei più importanti problemi da risolvere con gli scatti in queste condizioni di scarsa illuminazione. È possibile individuare un accenno di desaturazione, ma i colori generalmente non sono male e la gamma dinamica è più ampia della maggior parte degli smartphone concorrenti. La modalità notturna illumina la scena, come previsto, ma non gestisce particolarmente bene le alte luci o le parti più scure del fotogramma. Come è possibile immaginare, zoomare di notte senza un teleobiettivo dedicato non è la cosa migliore da fare. Definiremmo lo zoom 2x utilizzabile ma non altro. 

Il Galaxy A52 ha una fotocamera per selfie da 32 MP, che, proprio come la cam principale, risulta essere un modulo Quad Bayer. È quindi pensato per produrre in modo nativo immagini da 8 MP. Come da prassi Samsung la selfie cam ha una modalità stretta e una ampia. Ecco che in modalità wide, i selfie escono a 12MP. Presumibilmente, c’è qualche interpolazione di mezzo perché una fotocamera Quad Bayer da 32 MP dovrebbe produrre foto da 8 MP. Detto questo, non possiamo notare molte differenze degne di nota in termini di qualità e dettaglio tra le due modalità. La qualità complessiva dei selfie è buona, con molti dettagli ed una presenza di rumore decente. I toni della pelle sono più o meno buoni con la possibilità di utilizzare anche l’HDR automatico per migliorare la scena.

Il Galaxy A52 permette poi di registrare video fino al 4K a 30 fps su tutte le sue fotocamere “reali”. Vale a dire, la cam principale, l’ultrawide, così come quella per i selfie. L’ultrawide non permette l’acquisizione a 60fps, il che è prevedibile, e questa è l’unica limitazione che abbiamo notato. Sia la cam principale che l’ultrawide riescono a mantenere un bitrate solido  per i loro filmati 4K. Il dettaglio è eccellente e l’elaborazione è abbastanza naturale. Anche il rumore è quasi inesistente con una gamma dinamica ragionevolmente ampia con colori naturali. 

AUTONOMIA: fa il suo dovere

Samsung è riuscita a mettere in questo relativamente piccolo Galaxy A52 (spessore di soli 8,4 mm) una rispettabile batteria da 4.500 mAh. Un bel salto rispetto ai 4.000 mAh del Galaxy A51 della passata generazione. Il risultato è comunque ottimo con una batteria che ci porta a sera con un residuo praticamente sempre costante di almeno un 30% che può quindi essere poi utilizzato anche successivamente per il giorno seguente. Stiamo sulle 5 o 6 ore di display attivo il che permette di non avere remore nell’uso del device anche in mobilità. Il Samsung Galaxy A52 viene fornito con un alimentatore rapido da 15 W.  Per fortuna però lo smartphone supporta anche una ricarica più veloce da 25 W anche se sarà necessario acquistare l’adattatore giusto. 

CONCLUSIONI

Samsung non stava scherzando quando ha lanciato la nuova serie Galaxy A con il suo slogan “Eccezionale è per tutti”. La proposta di questo Galaxy A52 è davvero di valore quest’anno. In questo caso oltretutto se si considerano le specifiche come un display Super AMOLED ad alta frequenza di aggiornamento e certificazione IP67, ebbene l’unica soluzione che esce fuori dalla ricerca è proprio questo Galaxy A52. Ci sono anche i doppi altoparlanti e il jack da 3,5 mm o ancora una stabilizzazione ottica dell’immagine OIS sulla fotocamera principale e un aspetto molto giovanile e al passo con i tempi. 

Il nuovo Galaxy A52 sostanzialmente sembra non avere rivali a questo prezzo. C’è come detto un display AMOLED fluido e molto luminoso con refresh rate a 90 Hz, certificazione IP67, una configurazione di altoparlanti stereo molto solida con Dolby Atmos e un jack da 3,5 mm, un’ottima configurazione a quattro fotocamere, ora con OIS sul sensore principale e una rispettabile batteria da 4.500 mAh, con supporto per la ricarica da 25 W. Tutto è ben collegato dall’eccellente e più recente One UI 3.1 di Samsung, basata su Android 11, piena zeppa di funzionalità software avanzate oltre a una ritrovata promessa di aggiornamenti a lungo termine (3 versione di Android).

Onestamente non troviamo aspetti da criticare su questo Galaxy A52. Forse il fatto che lo Snapdragon 720G non è il chip più veloce in circolazione, ma di fatto nell’uso pratico non se ne risente assolutamente nulla in merito a ritardi o lag. Insomma il nuovo Galaxy A52 di Samsung non possiamo che raccomandarvelo. 

 
  Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *