Apple lancia il ‘Restore Fund’ per salvare le foreste

Another ICT Guy

Apple lancia il ‘Restore Fund’ per salvare le foreste

Apple ha annunciato l’iniziativa Restore Fund, un progetto in collaborazione con Conservation International e Goldman Sachs, per rimuovere almeno 1 milione di tonnellate di anidride carbonica dall’atmosfera entro il 2030. Il fondo da 200 milioni di dollari, secondo i fautori, vuole dar vita ad un modello finanziario praticabile, tale da aumentare gli investimenti nella forestazione. Conservation International dovrà assicurare che i progetti soddisfino rigorosi standard ambientali e sociali mentre Goldman Sachs si occuperà della gestione del fondo. I tre attori identificheranno nuovi progetti nel corso dell’anno.

“La natura ci offre alcuni degli strumenti migliori per rimuovere carbonio dall’atmosfera. Foreste, paludi e distese erbose prelevano carbonio dall’atmosfera e lo immagazzinano permanentemente nel suolo, nelle radici e nei rami” ha dichiarato Lisa Jackson, Vice President di Environment, Policy, and Social Initiatives di Apple. “Con la creazione di un fondo che generi sia un ritorno finanziario che effetti reali e misurabili sul carbonio, miriamo a guidare un cambiamento più ampio in futuro, incoraggiando l’investimento nella rimozione del carbonio in tutto il mondo”.

Questa iniziativa rientra nel più ampio obiettivo di Apple di diventare carbon neutral in tutta la sua catena del valore entro il 2030. Nei prossimi nove anni, l’azienda intende eliminare direttamente il 75% delle emissioni dalla catena di fornitura e dai prodotti, mentre il fondo compenserà il restante 25% delle emissioni, rimuovendo carbonio dall’atmosfera. In questo modo, iPhone, iPad, Mac e tutti gli altri dispositivi del gruppo godranno di una produzione ‘green’. Anche i clienti Apple possono prendere parte a queste iniziative: fino al 22 aprile, Giornata della Terra, per ogni acquisto tramite Apple Pay, l’azienda donerà un contributo a Conservation International per sostenere i progetti di preservazione ambientale.
   

https://www.carlomauri.net

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *