Addio Lou Ottens, inventore delle mitiche musicassette

Another ICT Guy

Addio Lou Ottens, inventore delle mitiche musicassette

Si è spento a 94 anni Lou Ottens, ingegnere olandese inventore della musicassetta. Introdotta sul mercato da Philips agli inizi degli anni ’60, la cassetta a nastro magnetico ha vissuto un’enorme popolarità fino agli anni 2000, con vendite superiori a 100 miliardi di unità, per poi essere progressivamente sostituita dal CD.

Forse siamo vecchi, ma la musicassetta aveva qualcosa di poetico. Dalla matita per reinserire il nastro quando usciva, ai pomeriggi passati a creare compilation registrando su cassette vergini le canzoni che passavano alla radio. Giorni che non torneranno più, anche se un po’ come il vinile anche le musicassette stanno vivendo un ritorno di fiamma negli ultimi anni, seppur non si possa certo parlare di popolarità.

Di recente Lady Gaga e altri artisti hanno creato musicassette con la propria musica, tanto che nel Regno Unito la Official Charts Company ha registrato vendite nella prima metà del 2020 in crescita del 103% rispetto allo scorso anno.

Ottens è deceduto nella sua città natale di Duizel lo scorso fine settimana, ma la famiglia l’ha annunciato solo nelle scorse ore. L’ingegnere ha ricoperto la carica di capo dello sviluppo prodotti di Philips nel 1960 e tre anni dopo la musicassetta fu presentata alla fiera dell’elettronica Berlin Radio ricevendo immediatamente consensi.

Ottens voleva “che la musica fosse portatile e accessibile” e per questo ideò un formato compatto e poco costoso rispetto ai grandi nastri a bobina. Inoltre, fece pressioni affinché Philips concedesse in licenza il formato gratuitamente ad altri produttori.

L’ingegnere, inoltre, fu coinvolto anche nello sviluppo del compact disk (CD), un altro prodotto di successo con vendite che hanno superato 200 miliardi di unità. Ritiratosi nel 1986, Ottens disse in un’intervista che il suo rammarico più grande è che fu Sony, e non Philips, a creare l’iconico lettore di musicassette, il Walkman.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *